avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

11 feb 2015

Letteratura slovena-lezione 4 Simon Gregorčič detto l'usignolo goriziano


Simon Gregorčič (1844-1966) ,denominato goriški slavček ( usignolo goriziano).Nacque e visse nel Goriziano,fu anche sacerdote della chiesa cattolica.Poeta lirico per eccellenza ed uno dei migliori poeti sloveni,sia per il ritmo naturale delle sue poesie sia per l'armoniosità dei suoi versi. Egli ama la vita della natura e la preferisce a quella della città.

Veseli pastir

Zakrivljeno palico v roki,
za trakom pa šopek cvetic,
ko kralj po planini visoki
pohajam za tropom ovčic.

Saj tukaj na sončni višavi
le sam sem, le sam gospodar,
živejem po pameti zdravi,
za muhe mi ljudske ni mar.

Nikomur tu nisem na poti,
na poti ni meni nikdo;
kdo čisto veselje mi moti,
kdo moti življenje mirno?

Nikdar ne zmrači se mi čelo,
nikdar ne stemne se oči,
in pojem in ukam veselo,
da z gore v goro se glasi.

Naj drugi okoli po sveti
si iščejo slave, blaga,
jaz hočem na gori živeti,
tu sreča, tu mir je doma.

Za čredico krotko popeval
bom pesemce svoje sladke,
dolincem glasno razodeval,
kar polni mi srečno srce.

Ne, palice svoje ovčarske
za žezlo kraljevo ne dam,
in rajši ko krone cesarske
cvetice na glavi imam!

Isonzo nei pressi di Kobarid
SOČI

Krasna si, bistra hči planin,
Brdka v prirodni si lepoti,
ko ti prozornih globočin
nevihte temne srd ne moti —
krasna si, hči planin!
Tvoj tek je živ in je legak
ko hod deklet s planine;
in jasna si ko gorski zrak
in glasna si, kot spev krepak
planinske je mladine —
krasna si, hči planin!
Rad gledam ti v valove bodre,
valove te zelenomodre:
temna zelen planinskih trav
in vedra višnjevost višav
lepo se v njih je zlila;
na rosah sinjega neba,
na rosah zelenih gora
lepoto to si pila —
krasna si, hči planin!
Ti meni si predraga znanka!
Ko z gorskih prišumiš dobrav,
od doma se mi zdiš poslanka,
nesoča mnog mi ljub pozdrav —
Bog sprimi te tu sred planjav!
Kako glasno, ljubo šumljaš,
kako čvrsto, krepko skakljaš,
ko sred gora še pot imaš!



ALL'ISONZO

Sei bella delle alture o linda figlia,
graziosa tra gli incanti del creato,
se il ciel, pei nembi irato, non s'acciglia
sulle onde tue trasparenti e fonde.
Sei bella delle alture o linda figlia,
Leggero è il tuo fluire e saltellante,
simile al passo delle montanine;
sei pura come l'aria di alte cime,
sonora come il canto vigoroso
di gioventù che qui tra i monti vive:
sei bella o figlia dei pianori alpini.
Rapir mi sento al rimira quest'onde,
dall'acque or verdi ed ora celestine,
in cui degli alti pascoli si fonde
il verde col zaffir del firmamento.
Tu la bellezza attingi alla rugiada
dei tersi cieli immacolati e insieme
ai rugiadosi fior della montagna,
o bella figlia dei pianori eccelsi.
Per me tu se l'amica cara! E quando
dei cheti monti giungi al pian rombando;
di casa mia sei la messaggera
e di saluti cari sei foriera.
Con te il Signor, tra le tue aree alture!
Come sonora e gaia tu risuoni,
come agile rimbalzi mentre incedi
dei monti tra le forre, anfratti e salti.

fonte traduzione

immagine 

testi poesia da http://sl.wikisource.org/wiki/Pesmi_Simona_Gregor%C4%8Di%C4%8Da

immagine di Pubblico dominio File:SimonGregorčič.jpg Caricato da Wailer

per approfondire...http://it.wikipedia.org/wiki/Simon_Gregor%C4%8Di%C4%8D

fonte del testo: Grammatica della lingua slovena di Nemec Lucchesi- 3 ed. del 1947
licenza Creative Commons

1 commento:

  1. Letteratura slovena :Simon Gregorčič detto" l'usignolo goriziano"

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade