visitatori totali

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

26 ago 2015

Il rogo nel porto, di Boris Pahor

Il rogo nel porto, di Boris Pahor Sì, certo, anche la zia Johanca portava le fiabe nel loro scantinato; e le sue fiabe avevano il colore dei ciclamini e delle felci lungo il ruscello dove d’estate andavano a caccia di granchi. In quel buco sottoterra si sprigionava allora un profumo di mele della valle di Vreme e si sentiva il gorgoglio delle ruote del mulino. Ma le vere fiabe erano quelle di Mizzi. La sarta Mizzi abitava a pianterreno, cioè sopra di loro, sopra la loro “abitazione” – un locale con due finestre affacciate su un cortile – che una larga barra di ferro divide in due; il muro del cortile davanti alle finestre viene sfiorato dal sole soltanto lungo il bordo superiore. Lo lambisce appena e fiaccamente, come la gatta tisica che lecca i suoi gattini sul tetto incatramato al di là del muro. Ma per loro la stessa Mizzi è quasi una fiaba. Una ragazza piccola e tondetta che parla in tedesco con lo zio dai capelli grigi. Un po’ dura d’orecchio e con grandi occhi, ma a loro bambini appare misteriosa soprattutto per quelle parole che lo zio le rivolge quasi gridando, e di cui non si capisce il senso. Pertanto Mizzi, che potrebbe essere come tutte le altre ragazze ventenni, risulta un po’ particolare. Però le vogliono bene e giocano ogni giorno nella sua stanza e fanno girare il manichino di legno sul quale mette in prova gli abiti. «E sta’ buono!» disse Mizzi a Branko. «Mizzi, una fiaba, per favore» intervenne Evka. Olgica, la più piccola, sedeva sul davanzale con i piedini sul lucido legno della macchina da cucire. Molto più in basso c’erano le finestre della loro abitazione, e sotto le finestre, sul fondo di cemento, ratti, ossa e teste di sardine essiccate. Dall’altra parte del muro di cinta gli operai dell’officina martellavano il ferro e lo levigavano tutto il santo giorno, e tutti i santi giorni. Alle cinque del pomeriggio si denudavano fino alla cintola, si lavavano sotto il rubinetto ed erano di buon umore. Si insaponavano braccia e collo, e la schiuma si tingeva di scuro per l’olio di macchina. Poi tutto diventava silenzioso, soltanto la macchina da cucire di Mizzi continuava a crepitare davanti alla finestra aperta. «Mizzi, ci racconti una fiaba!» Ma Mizzi è spesso trasognata e assente. Allora tace caparbia come ogni volta che lo zio è stato cattivo con lei; loro però non sanno perché si comporti così, dato che lo vedono solo di rado. La sua stanza sta dall’altra parte del corridoio, grigia e fredda come lui. Nella stanza c’è anche una scrivania, ma lui non vi si siede perché è già vecchio e in pensione, e sul comodino tiene sempre il libro di preghiere tedesco. La sera lo si sente pregare con quel libro e Mizzi sta inginocchiata sul parquet e prega con lui. Lo zio assomiglia a Francesco Giuseppe, quando prega sull’inginocchiatoio, e forse è così severo perché la città di Trieste non è più sotto il dominio del suo imperatore. Chissà! E forse proprio per questa ragione vuole morire con fierezza così come andarono a picco maestose, nel golfo antistante la città, le navi da guerra Tegetthoff e Wien. Loro marmocchi non sanno nulla di tutto ciò, ma sono adirati con lui perché è tanto antipatico quando sgrida la Mizzi trattandola da serva e lei poi piange. Porta un berretto di pelliccia nero, da sotto il quale sgusciano fuori ciocche di capelli grigi. Con la vestaglia marrone, le ciabatte ai piedi e quel berretto in testa sembra un santone asiatico. Se ne sta sempre nascosto da qualche parte eppure è 1 sempre presente, in un angolo buio del corridoio, in un’ombra dietro la porta, o nella tetra e fredda... continua http://aestovest.osservatoriobalcani.org/luoghi/pdf/Il_rogo_nel_porto.pdf

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *