avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

25 mag 2016

COLORI (poesia di Peter Semolič)

Barve

Tvoje oči so modre, modra je tvoja barva.
Na večer rumeni cvetovi forzicije in polna
luna nad bližnjimi nama bloki – storila si
korak in jaz, čeprav še rjav, hodim ob tebi,
nenadoma nič več opotekaje, tvoj korak
je dolg dvaintrideset let in diši kot oranža.
Nisem pričakoval, niti v sanjah – to noč sva
si delila v njih bel kruh in si potem priklicala,
nič več v sanjah, na obraz velike rdeče
cvetove. Katera barva ti je najljubša?
Kateri pevec? Katera pevka? Poletna žalost
je za nama in črni glas Lane del Rey ni več znak,
ampak samo še pesem kot vsaka druga.
Svetlo zelena trava, temno zelena v mesečini,
ti, ki še ne verjameš vase, jaz, ki sem verjel vate
od hipa, ko si prišla z rožmarinom in meto,
verjamem v naju. Barva tvojih oči se spreminja
s svetlobo, ponoči sijejo z lastno – zvezdi,
ki ju ne zastira več noben oblak temne snovi.
Colori

I tuoi occhi sono azzurri, azzurro è il tuo colore.
La sera i fiori gialli di forsythia e la luna
piena sopra i caseggiati a noi vicini – hai fatto
un passo ed io, anche se ancora marrone, cammino a te accanto,
all’improvviso nessun vacillamento, il tuo passo
è lungo trentadue anni e profuma d’arancio.
Non m’aspettavo, neanche nei sogni – stanotte
abbiamo ripartito in essi il pane bianco e poi hai rievocato,
non più nei sogni, sul volto i grandi fiori
rossi. Quale colore ami di più?
Quale cantore? Quale cantante? La mestizia estiva
è alle spalle e la voce nera di Lana del Rey non è più un segno
ma solo una canzone come tutte le altre.
L’erba verde chiara, verde scura al chiaro di luna,
tu, che ancora non credi in te, io, che ho creduto in te
dal momento in cui sei arrivata con il rosmarino e la menta,
credo in noi due. Il colore dei tuoi occhi cambia
alla luce, di notte brillano di luce propria – due stelle,
che nessuna nuvola di materia oscura offusca più.
 traduzione di Michele Obit



Peter Semolič, è nato a Ljubljana nel 1967. E' autore di sei libri di poesia Tamarisk (1991), The Roses of Byzantium(1994), House Made of Words (1996), Circles Upon the Water (2000), Questions About the Path (2001) and Border (2002). Ha ricevuto molti premi per il suo lavoro, inclusi i due più importanti in Slovenia lo Jenko's Poetry Prize e il Prešeren Prize.

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade